Condividi

Oro verde - C'era una volta in Colombia

  • Proiezione 02 maggio 2019
  • Regia Ciro Guerra e Cristina Gallego
  • Durata 2h05min
  • Origine Messico, Colombia, Danimarca, 2018

Cinema Kappadue (Via Antonio Rosmini, 1) - ore 16.30 - 19.00 - 21.30

Alla nascita ogni indigeno Wayùu acquisisce tre nomi: il nome proprio, il cognome spagnolo e il nome che indica la casta o il clan. Al centro del quarto lungometraggio diretto da Ciro Guerra c’è uno sguardo tagliente, una lama etnografica che incide la superficie del deserto colombiano, per mostrarci una ferita aperta, tutte le antiche tradizioni rituali Wayùu. Ma come l’identità degli indigeni, anche il film si divide in tre sentieri che scorrono l’uno accanto all’altro, incrociandosi. Lo sguardo antropologico non è l’unico nucleo dunque, non ancora, non più. Lo è stato nel precedente El abrazo de la serpiente (2015), il lungometraggio che ha ribadito la lucidità del suo talento in tutto il mondo. Con Oro verde il discorso di Guerra si fa ancora più articolato: «Non è un film sui Wayùu, ma un film con i Wayùu». Conosciamo una storia, un’antica tradizione rituale, che ci porta a scoprire le origini storiche del narcotraffico colombiano, del sorgere dei cartelli. Antropologia e storia contemporanea, ma anche passione per la narrazione, per la fiction e la sperimentazione dei generi.

t.o. Pájaros de verano – regia: Cristina Gallego, Ciro Guerra – sceneggiatura: Maria Camila Arias, Jacques Toulemonde Vidal – fotografia: David Gallego – montaggio: Miguel Schverdfinger – musiche: Leonardo Heiblum – interpreti: Carmiña Martínez (Úrsula), José Acosta (Rapajet), Jhon Narváez (Moisés), Natalia Reyes (Zaida), José Vicente (Peregrino) – produzione: Blond Indian Films, Bord Cadre Films Ciudad, Lunar Producciones – Messico, Colombia, Danimarca, 2018 – 2h 05’ – versione doppiata